Song Details

Albums:   Disperanza
Bands:   Parafoné
Share
Download

Tradizionale Calabrese

Lyrics: Tirannimicumio

TIRA NIMICU MIO

Tira nimicu mio
tira alla pinna
forsi ca esci a morti la cundanna
tu tieni carta calamaru e pinna
e io purviri e palli a mio cumandu

tu si lu vicerrè di chistu regnu
ma io sugnu l'arrè di la muntagna
tandu nimicu mio tandu m'arrendu
quandu la capu mia penda all'antinna

tra valliscura e dui xhjiumi currienti
minzu ci età Cusenza fravicata
unu si chiama Crati unu Busientu
ed io l'amaru ci su capitatu

Non mi ndi curu ca fusti valenti
si mò di mani epiedi su ligatu
tu sula figlia di lu presidenti
cunzula chist'affrittu carciratu

e si mi sciuogghi sti lastra lucenti
tu pue sarvari n'anima dannata
a mia la morti non mi fa spaventu
chi ntra li voschi 'nci sugnu 'mparatu

cuomu tu jiuochi cu li xhjiuri e l'erva
jiucava io cu li scupettati
li palli chi vinieanu a cientu a cientu
eranu a mia cumpetti 'nzuccarati.

TRADUZIONE:

Tira mio nemico tira con la penna
forse sarà di morte la condanna
tu hai carta calamaio e penna
e io polvere da sparo e proiettili al mio comando
tu sei il vicerè di questo regno
ma io sono il re della montagna
allora nemico mio mi arrenderò
quando la mia testa penderà dalla forca!
tra Valle scura e due fiumi correnti
in mezzo c'è fabbricata Cosenza
uno si chiama Crati e l'altro Busento
e povero me lì mi son trovato!
Non me ne curo che tu sei stato valoroso
se ora da mani e piedi son legato
Solo tu figlia del Presidente (del tribubnale) consola questo afflitto carcerato
e se mi sciogli questi lacci lucenti
tu puoi salvare un'anima dannata
a me la morte non fà spavento
perchè alla vita dei boschi sono abituato
così come tu giochi con i fiori e l'erba
giocavo io con le schioppettate
i proiettilii che venivano a centinaia
erano per me confetti zuccherati.
See More Less More

Other Audio

‘Mpami e Farisei

1 luglio 2012

A Muttetta

1 luglio 2012

Ab-bocca

1 gennaio 2011

Amistà

29 luglio 2015