Song Details

Albums:   Amistà
Bands:   Parafoné
Share
Download

Amistà vuol dire amicizia…

…e dove vi è Amistà non esistono confini, non c’è guerra nè diversità di colore, razza, sesso, religione. Dove vi è Amistà ci sono mani che si stringono, occhi che si guardano, abbracci che augurano buon viaggio e braccia larghe a dare il benvenuto. Se c’è Amistà esiste il rispetto e sentimenti che all’unisono ricercano l’armonia, il tempo è senza tempo e non esistono distanze. L’amicizia (Amistà) è quel sentimento da ricercare e coltivare, sempre, per raggiungere la pace e il bene personale e sociale.

Parafonè

Lyrics: Pizzicariedhu

Pizzicariedhu

Pizzicariedhu duci fimmininu,
chitarra mia di lignu chi sona sona.

E sona di la sira fina alla matina
pi mu nci duna spassu a cu ndi vola.

A cu lu senta la gioia nci duna,
a cu si va arrassandu la malanova.

Vena la notti e ti cunzula
pizzicariedhu mio chi sona sona;
sona chitarra e sonati sula,
sona chitarra mia sona ch’è ura.

Cuomu candila s’astutanu l’anni
passa lu tiempu, li misi e li jiuorni.

Di sali hai mu ndi mangi setti parmi
pi mu scandagghji n’uomu e li sue inganni.

Ma la fimmina chi sapa lu cantari,
canta alla sira e cu lu lumijari.

Vena la notti e ti cunzula
pizziacariedhu mio chi sona sona;
sona chitarra sonati sula,
sona chitarra mia sona ch’è ura.

Pizzicariedhu duci fimmininu,
chitarra mia di lignu chi sona sona.

Vena la notti e ti cunzula
pizziacariedhu mio chi sona sona;
sona chitarra sonati sula,
sona chitarra mia sona ch’è ura.

Testo di Bruno Tassone Musica Parafoné

TRADUZIONE:

Pizzicato dolce femminino,
chitarra mia di legno che suona suona.

E suona dalla sera fino alla mattina
e per donare spasso a chi ne vuole.

A chi lo ascolta la gioia gli dona,
a chi si va nascondendo la brutta nuova.

Viene la notte e ti consola
pizzicato mio che suona suona;
suona chitarra suonati da sola,
suona chitarra mia suona ch'è ora.

Come candela si spengono gli anni
passa il tempo, i mesi ed i giorni.

Di sale devi mangiarne sette palmi
per capire un uomo e i suoi inganni.

Ma la donna che conosce il cantare,
canta alla sera e con le prime luci.

Viene la notte e ti consola
pizzicato mio che suona suona;
suona chitarra suonati da sola,
suona chitarra mia suona ch'è ora.

Pizzicato dolce femminino,
chitarra mia di legno che suona suona.

Viene la notte e ti consola
pizzicato mio che suona suona;
suona chitarra suonati da sola,
suona chitarra mia suona ch'è ora.
See More Less More

Other Audio

‘Mpami e Farisei

1 luglio 2012

A Muttetta

1 luglio 2012

Ab-bocca

1 gennaio 2011

Amistà

29 luglio 2015