Blog Details

Parafoné

L’Etno-Rock dei Parafonè tra storia e voglia di futuro

Gazzetta del sud, 4 Giugno 2012

Serra San Bruno, debutto a Roma e nuovo CD in uscita

Clamoroso debutto del gruppo musicale “Parafonè” a Roma. Il famoso complesso di musica etnica calabrese, formatosi qualche anno fa nella cittadina di Serra San Bruno, continua a mietere successi con esibizioni molto applaudite effettuate in ogni regione d’Italia. Venerdì scorso il gruppo è stato ospite della quarta edizione della festa “Profumi della Calabria”, che si è tenuta al parco Casalotti, al quartiere Boccea. La kermesse è diventata rapidamente un appuntamento di rilievo e commercialmente dinamico per i conterranei che vivono a Roma. Solo durante l’edizione passata, “Profumi della Calabria” ha radunato oltre 20mila ospiti che hanno potuto degustare le tipicità calabresi da altrettanti piccoli e medi imprenditori, tutti ambasciatori di eccellenza.

Lo spazio musicale per il debutto di quest’anno sarà a pannaggio della band serrese, che pubblicherà entro la fine del mese, il nuovo atteso CD il cui eloquente titolo è “Disperanza” come ribadito dalla voce del cantante e leader della formazione Bruno Tassone.

C’è una sottile linea che unisce disperazione e speranza – ha dichiarato Bruno Tassone – paradosso del presente confuso che viviamo. Una contrapposizione di riflessioni “sonanti” che abbiamo cercato di riassumere in questo nostro secondo disco, scaturito dalle idee apportate da ogniuno di noi. Antipodi musicali e letterari legati, legati alla Calabria, la terra da cui sgorgarono con orgoglio le nostre radici, luogo concreto e paradiso della mente, che unisce e separa, attira e respinge.

I “Parafonè” proprio quest’anno festeggiano il decennale della loro costituzione; oltre a Tassone (Chitarra battente e Zampogna a chiave) il gruppo è formato da Angelo Pisani (Lira calabrese, fischiotto di canna, zampogna a chiave e mandolino), Omar Remi (Basso elettrico), Gianluca Chiera (Bouzouki greco), Fabio Tropea (Percussioni), Antonio Codispoti (organetto e tamburello), Luca Mandiello (Tamburelli, marranzano, percussioni e voce) e Domenico Tino (Chitarra acustica e voce). Quello di Roma è stato un prologo in vista della tournèe estiva che li vedrà battere ogni angolo della Calabria, con la loro musica mai troppo placida o rassicurante, dove il gruppo alterna sperimentazione e tradizione, attingendo anche ai versi di Achille Curcio e Bruno Pelaggi.

Le nostre – riprende Tassone – sono canzoni di amore e protesta, dove mescoliamo storia e futuro. Non ci vergogniamo certo a dire che veniamo dalla campagna, praticando una vita semplice ed essenziale fondata su valori autentici e sinceri.
.

Share

Leave Your Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.